News

La palla è rotonda – Speciale Playoff Nazionale

La palla è rotonda – Speciale Playoff Nazionale

Italia – Svezia. Due partite da dentro/fuori importanti per il futuro non solo del CT Ventura ma di tutto il movimento calcistico italiano.

Siamo qui di nuovo con La palla è rotonda per i playoff della Nazionale italiana, quindi bentornati!

La palla è rotonda – Speciale Playoff  Nazionale

Domani sera si giocherà il turno d’andata valido per i playoff per il Mondiale in Russia 2018 contro una Svezia giovane e inesperta, orfana di Ibrahimovic ritiratosi dalla nazionale, ma che potrebbe dare più di qualche grattacapo ai nostri Azzurri.

In quel di Stoccolma si giocherà il primo atto di un qualcosa che oltre a tracciare il futuro del Commissario Tecnico Ventura, ci dirà quale saranno le speranze del calcio italiano: citando il presidente della FIGC Carlo Tavecchio, “sarebbe una tragedia per tutto il calcio italiano non approdare al prossimo Mondiale”.

Ma questi discorsi sul quel che potrebbe succedere lasciamoli da parte perché adesso si deve pensare solo al campo della Friends Arena (e a quello di San Siro poi); addentriamoci quindi nel merito del match della serata di domani. Dopo gli ultimi match, con prestazioni non proprio eccellenti in termini di mole di gioco prodotto, Mister Ventura rivoluziona la squadra con “nuove” convocazioni, come il ritorno del goleador “spagnolo” Simone Zaza (secondo nella classifica marcatori in Liga con 9 gol, dietro solo al marziano Messi) o come la prima chiamata del regista italo-brasiliano Jorginho, e con un nuovo modulo che dovrebbe essere il 3-5-2.

Qui una foto di come sarebbe Zaza con una folta capigliatura

 

Ho parlato dei nuovi ma anche i “vecchi”, i senatori della squadra, come Buffon (o Barzagli o Chiellini o De Rossi) si dovranno giocare tutto contro la squadra scandinava per approdare a quello che per loro sarebbe l’ennesimo Mondiale, avendo anche loro una gran fetta della responsabilità, forse molta di più la pressione su di loro che sui “meno esperti”. Di seguito le parole proprio di uno di loro, in particolare del capitano romanista De Rossi:

 

Per un attimo, però, distacchiamoci da quello che attende la nostra Nazionale e rimanendo sempre in tema di Azzurri, è d’obbligo menzionare due grandi del recente passato: sto parlando di Andrea Pirlo e di Alex Del Piero. L’ex regista del Milan e della Juve nei giorni precedenti ha dato il proprio addio al calcio giocato, ritirandosi all’età di 38 anni, giocando l’ultima partita della propria carriera Domenica con il suo New York City FC (contro il Columbus Crew). Qui un video che raccoglie le migliori giocate del Maestro Andrea Pirlo, uno degli eroi del Mondiale in Germania del 2006:

 

Un altro campione del mondo del 2006, ormai ritiratosi dai campi di calcio già da un pochetto, oggi va menzionato perché in data odierna compie gli anni: più precisamente spegne 43 candeline l’ex Juve ed ex capitano di quest’ultima, Alessandro Del Piero. Augurissimi.

Questo Speciale Nazionale si conclude qui con l’appuntamento a domani sera con la Nazionale Italiana più sfiduciata di sempre che però ce la può e ce la deve fare. Come al solito un buon calcio a tutti da parte mia!

  • ANDREA FERRARA

Redazione RadioCastelluccio

novembre 9th, 2017

No comments